Gli organi di Garanzia della Costituzione Italiana!

Gli organi di Garanzia della Costituzione Italiana!

Gli organi di Garanzia della Costituzione Italiana!

La Costituzione è la fonte del diritto per antonomasia nel nostro Paese. Nessun’ altra legge può trovarsi in contrasto con essa e il nostro ordinamento prevede che siano due gli organi chiamati a svolgere l’attività di garanzia e di controllo: il Presidente della Repubblica e la Corte Costituzionale.

  • L’art 87 della Costituzione, infatti, afferma che “Il presidente della Repubblica è il Capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale”. È la carica più importante ed è tenuto ad agire per rafforzare il senso di unità dello Stato e per superare i motivi di divisione che spesso caratterizzano le democrazie.

Il Presidente della Repubblica assume una posizione di terzietà rispetto a tutte le altre istituzioni democratiche presenti nel nostro assetto costituzionale.

È indipendente dai partiti e svolge la sua attività in modo imparziale senza schierarsi né con la maggioranza né con l’opposizione parlamentare: difatti, è un organo definito superpartes poiché, come detto, non può interferire negli affari di Governo e Parlamento, anche se svolge un ruolo decisivo nei confronti di questi, in quanto chiamato a verificare che rispettino i principi fissati dalla Costituzione e il loro buon funzionamento.

Il Presidente della Repubblica ha nei confronti della Costituzione, quindi, un ruolo di garanzia preventiva cioè agisce prima dell’emanazione di una legge, perché è proprio nel procedimento di promulgazione di una norma che si manifesta la sua funzione di garanzia costituzionale.

Infatti, egli accerta che la legge sia stata approvata secondo le prescrizioni costituzionali in materia di procedimento legislativo e soprattutto verifica la sua rispondenza ai principi costituzionali: qualora il Presidente della Repubblica ravvisi profili di illegittimità costituzionale potrà rinviare la legge alle Camere, per sottoporla ad una nuova approvazione parlamentare.

Oltre al Presidente della Repubblica, come già anticipato, l’altro organo di garanzia è la Corte Costituzionale che è chiamata a garantire che gli atti dei massimi organi dello Stato (Governo, Parlamento e Magistratura) e delle Regioni non siano in contrasto con il dettato costituzionale.

La Corte è composta, secondo quanto previsto dall’art. 135 Cost., da quindici giudici così eletti:

–        Cinque giudici dal Presidente della Repubblica;

–        Cinque giudici dal Parlamento riunito in seduta comune;

–        Cinque giudici dalle supreme Magistrature ordinaria e amministrativa, ovvero Corte di Cassazione, Consiglio di Stato e Corte dei Conti.

I giudici costituzionali restano in carica nove anni e non possono essere rieletti. Essi sono dotati di ampie garanzie volte a tutelarne l’indipendenza e l’autonomia.

Le funzioni della Corte costituzionale, che ha sede a Roma nel Palazzo della Consulta, sono elencate dall’art. 134 Cost.:

–        Esprime un giudizio di legittimità costituzionale sulle leggi e sugli atti aventi forza di legge emanati da Stato e Regioni: quando la Corte accerta che tali atti sono in contrasto con la Costituzione, ne dichiara l’illegittimità costituzionale e li annulla, cioè li priva di qualunque efficacia giuridica. Le decisioni assumono la forma di sentenze. Esse sono pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale e sono definitive: contro di esse, cioè, non è possibile proporre ricorso;

–        Giudica i conflitti di attribuzione tra i massimi poteri dello Stato, tra Stato e Regioni e tra le Regioni;

–        Giudica sulle accuse al Presidente della Repubblica;

–        Giudica sull’ammissibilità dei referendum abrogativi.

Quando la Corte dichiara illegittima una norma in contrasto con la Costituzione, costringe il Parlamento a legiferare in maniera conforme al dettato costituzionale. Quando, poi, essa, giudica una legge, di fatto è tenuta ad interpretare le norme costituzionali.

Attraverso questa delicata funzione, la Corte ha stabilito con le sue sentenze una serie di principi che hanno consentito di attualizzare la nostra Carta Costituzionale.

 

Monia Flammini, l’autrice del post

“Gli organi di Garanzia della Costituzione Italiana!” è un guest post scritto da Monia Flammini, docente del Campus Online dei Liceali – prepara le lezioni e insegna diritto (altri articoli scritti da Monia)

 

I primi tre articoli della Costituzione Italiana

Articoli 4, 5 e 6 della Costituzione Italiana

Campus Online dei Liceali: chi siamo

Dove siamo

La foto è tratta dal sito Notizie Affidabili

 

liceali1234

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: